Festival 2020
Dal 4 all'8 agosto e dal 5 all'8 novembre 2020 
 


festival orlando 2020

 
 
Continuerò ad azzardare, a cambiare, ad aprire la mente e gli occhi, rifiutando di lasciarmi incasellare e stereotipare.
Virginia Woolf, Diario di una scrittrice
 
 

ORLANDO è un Festival queer internazionale di cinema, danza e teatro, rivolto ad un pubblico ampio e variegato e caratterizzato da un approccio ironico, inclusivo e accogliente.

Vogliamo far sperimentare la cultura superando i confini, ampliando le possibilità di espressione e di conoscenza attraverso visioni plurali del reale. Vogliamo crescere nuove generazioni più libere, sognando una società con maggior sensibilità alle pari opportunità e ai diritti per le minoranze, con minore violenza di genere e ampliate possibilità di espressione. Vogliamo una società coraggiosa e disponibile ad esplorare l’alterità. 

Portiamo a Bergamo esperienze artistiche di valore, trasformiamo per nove giorni la città attraverso un ricco programma di film, spettacoli, incontri, laboratori e feste che si sviluppa su una rete di relazioni, scambi culturali e partnership nazionali e internazionali.

Il Festival, e l’Associazione di cui fa parte, prende il nome dall’omonimo romanzo di Virginia Woolf ed è un esempio concreto di come le differenze culturali, di genere, etniche, di orientamento affettivo siano indispensabili per la costituzione di una identità culturale, plurale, viva e in costante trasformazione.

 
 
 
ORLANDO 2020 sarà un’edizione differente, ma più resistente e resiliente che mai.
Mauro Danesi, Direttore Artistico

 

 

La settima edizione del Festival ORLANDO, inizialmente prevista per maggio, è stata riprogrammata in due diversi weekend, dal 4 all’8 agosto e dal 5 all’8 novembre 2020 nel rispetto delle normative ministeriali e dell’attenzione alla salute della cittadinanza.

 

L' edizione 2020 di ORLANDO è dedicata al tema del piacere, del corpo e della mente; della sensorialità come strumento fondamentale di conoscenza del mondo. Un piacere a cui bisogna allenarsi, riabituarsi. Un piacere queer poiché uguale e diverso al tempo stesso per ciascuna/o di noi, indipendente da età, sesso, genere, provenienza, abilità e ceto sociale, ci accomuna in qualità di esseri umani. Recuperare il piacere delle piccole cose è l’atto rivoluzionario che permette di riflettere sui nostri limiti e confini, aumentare la gioia, intesa come la definì Gilles Deleuze: “potenza di agire” culturale, politico e sociale. 

 

Che relazioni ci sono tra piacere, tabù, desiderio e censura?

Chi decide i confini?

Chi decide cosa è trasgressivo?

E cosa succederebbe se il piacere, che desideriamo e ci spaventa, ce lo prendessimo?

 

 

In questo tempo capovolto abbiamo lavorato per dare continuità allo spazio di espressione e libertà che ORLANDO propone da sette anni.  Vi raccontiamo le prime due anticipazioni del Festival, due iniziative speciali condivise con Festival Danza Estate in sostegno reciproco per donare bellezza alla nostra cittá,  inserite nel palinsesto di Lazzaretto On Stage, progetto dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo per l'estate 2020. GRACES di Silvia Gribaudi (8 agosto) e PERPENDICOLARE di Cristina Donà, Daniele Ninarello e Saverio Lanza (10 agosto).

 

Siamo pront*: è il momento di recuperare il piacere rivoluzionario dell'incontro e di ricreare bellezza insieme a voi, alle artiste e artisti ospiti, nel contesto unico dello spettacolo dal vivo!

 

 

Illustrazione della settima edizione di EBLTZ

 

orlando festival 2018

 
 
ORLANDO DREAMS GREEN
Pleasure is a Human Right. Be pleasure. Be right.
 
Grazie al progetto europeo Green Fest, il Comune di Bergamo ha definito i parametri di sostenibilità ambientale per le manifestazioni culturali della nostra città e, insieme ad Anci Lombardia, promuove il marchio Green Friendly Event.
A partire dall’edizione 2020, aderiamo all’iniziativa come parte attiva nella costruzione di un futuro ecosostenibile in grado di migliorare la qualità della vita delle persone. Ci impegniamo attraverso piccole pratiche quali la selezione di location accessibili con il trasporto pubblico, la riduzione dell’uso della carta a favore del digitale, l’abolizione della plastica o la proposta di gadget a basso impatto ambientale... Questo ed altro, per mettere in moto un cambiamento. 
 
green-fest
 
 
Vuoi maggiori informazioni?
Vuoi conoscere meglio la nostra Associazione, saperne di più sul festival o approfondire i nostri progetti formativi