Festival 2024
Dal 03 al 12 maggio 2024
 
 
Abbiamo bisogno di storie abbastanza grandi da contenere le complessità e mantenere gli argini e i confini aperti e affamati di nuove e vecchie connessioni capaci di sorprenderci.

Donna Haraway


 
Orlando dove sei?” è la domanda che apre il film Orlando, my political biography di Paul B. Preciado. È stata anche la domanda che ci si è post* nell’ultimo anno per pensare a possibili trasformazioni e nuovi percorsi da tracciare. La risposta a questa domanda ci chiede di interrogarci sulle motivazioni che portano il Festival ORLANDO a riconfermarsi per l’undicesima volta: continuiamo a esserci per il nostro bisogno di pluralità e di moltiplicazione di relazioni. Creare connessioni con chi - o cosa - ancora non si conosce è la promessa con cui affrontiamo la nuova edizione del Festival, risuonando con l’invito di Donna Haraway a “generare parentele ed esercitare la premura verso l’altro come processi che ampliano l’immaginazione e possono cambiare la storia”. Da sempre impegnato ad allargare gli orizzonti di possibilità, nell’edizione 2024 il Festival vuole indagare quante parentele si possono ancora immaginare e come sia possibile inventare famiglie sempre nuove, per essere pluralità. Festival ORLANDO, quindi, in questo 2024 diventa spazio di incontro in luoghi della città scelti perché testimoni di una storia da tenere in considerazione per costruire spazi di libertà per tutt*.  Festival ORLANDO diventa istituzione fantastica per immaginare processi di autodeterminazione, forme di relazione e modalità di appartenenza. Il Festival si fa quindi osservatorio da cui intercettare con attenzione le forme di pluralità e interdipendenza che già esistono.

 
 
 
 
 
 
LUOGHI

A Bergamo
 
Auditorium di Piazza Libertà | via N. Duzioni, 2
Donizetti Studio|piazza C. Benso Conte di Cavour, 15
INK Club | via G. Carducci, 4B
Teatro Renzo Vescovi, Monastero del Carmine | via B. Colleoni, 21
Lo Schermo Bianco | via Daste e Spalenga, 13
Padiglione del Tè, Parco Caprotti | via G. Verdi, 21
Piazza della Libertà
Polveriera Superiore di San Marco | via C. Beltrami
Sala dell’Orologio, Palazzo della Libertà | piazza della Libertà

 
 
INFORMAZIONI E INGRESSI
 
Le condizioni di ingresso sono indicate sotto ogni evento.
Ingresso ridotto per tesserat* CGIL, soc* COOP, soc* ARCI, over 60, under 27. 
Sono previste ulteriori agevolazioni per soc* Immaginare Orlando e Lab 80.
Il biglietto ridotto è riservato anche a persone con disabilità. È incluso un ingresso gratuito per chi accompagna. I film in programmazione sono tutti in lingua originale con sottotitoli in italiano.
 

Per maggiori informazioni sull’accessibilità vi rimandiamo alla pagina di ogni evento. Oltre alle icone troverete anche una legenda. Interattività: indica il livello di partecipazione richiesto durante l’evento. La partecipazione comunque non è mai obbligatoria e l* spettator* può sempre scegliere se partecipare o no. Esposizione: indica quanto verrai sottoposto a stimoli interattivi senza che ti venga chiesto o esplicitato. Un esempio di esposizione livello 3 è esempio lo stare seduti in cerchio intorno all* performer. Stimolo sensoriale: indica il livello della stimolazione uditiva, visiva, tattile, olfattiva, della performance. Esempio di stimolo livello 5 sono un concerto o un Dj Set perché ci sono tante luci, musica ad alto volume e molte persone in uno spazio ristretto. Il rischio di sovrastimolazione, di meltdown o di shutdown è quindi molto alto. Per esigenze specifiche, vi invitiamo a scrivere a  info@orlandofestival.it: cercheremo di fare il possibile per accogliervi al meglio!
 

Tel. 320 6149443
info@orlandofestival.it
www.orlandofestival.it
Facebook, Instagram @orlandobergamo

 

 
 
 
TESSERAMENTO
 
Fai la differenza. Sogna con Orlando
Durante tutto il Festival sarà possibile tesserarsi all’Associazione Culturale Immaginare Orlando ed entrare a far parte della sua community! La tessera dà diritto ad agevolazioni e convenzioni con molte realtà della città. Maggiori informazioni sul sito web www.orlandofestival.it.
 
 
 
 
Piccola nota sul linguaggio 

Ci abbiamo pensato a lungo, abbiamo avuto summit che la Crusca ci invidia e abbiamo deciso che nelle nostre comunicazioni optiamo per un linguaggio ampio, che gioca col disordine e cerca di immaginare e fare spazio alle tante possibilità in cui soggettività e posizionamenti diversi possono sentirsi a casa tra le parole. È per questo motivo che qui troverai ǝ per i singolari, * per i plurali, forse farà capolino qualche u, a volte inciamperai in _ e parole troncate. È per questo motivo che qui non troverai maschili sovraestesi, femminili onnicomprensivi (benché riconosciamo la fondamentale politicità dell’uso del femminile come rivendicazione a esistere e resistere a millenni di imposta invisibilità e oppressione) o declinazioni binarie. Rivendichiamo il caos, ci divertiamo con le parole e pensiamo che l’assenza di coerenza sia essa stessa una forma di coerenza, semplicemente non addomesticata.
Associazione Immaginare Orlando
 

STAFF
 
 
DIREZIONE ARTISTICA
Elisabetta Consonni
 
DIREZIONE ORGANIZZATIVA
Emma Mainetti
 
CONSULENZA PROGETTUALE
Mauro Danesi
 
SEGRETERIA DELLA DIREZIONE 
Efrem Foglia
Caterina Sartor
 
SELEZIONE CINEMATOGRAFICA
Giorgia Di Giusto
Sara Luraschi
Roberto Occhio
Marco Rizzoli 
 
COMUNICAZIONE
Caterina Sartor con
Giorgia Di Giusto
Efrem Foglia
 
RELAZIONI CON IL PUBBLICO
Efrem Foglia
 
UFFICIO STAMPA
Ippolita Aprile
 
LOGISTICA, ASSISTENZA ALLA PRODUZIONE
Emma Mainetti con
Letizia Capelli
Sara Moioli 
 
DIRETTORE TECNICO
Simone Moretti

AMMINISTRAZIONE
Roberto Occhio
Federica Paladini

ILLUSTRAZIONE
Gianluca Abbate

PROGETTO GRAFICO
&1 lab
 
PRODUZIONE VIDEO
Alberto Valtellina
 
FOTO
Carlo Valtellina

CONSULENZA ACCESSIBILITÀ
Elia Zeno Covolan (Al.Di.Qua. Artists)

TRADUZIONI
Silvia Giordano

Letizia Capelli
Sara Moioli

MERCHANDISING
Andrea Buelli
Marco Mascadri
Jacopo Lazzari

E TUTTЗ LЗ VOLONTARЗ CHE RENDONO
POSSIBILE QUESTA EDIZIONE
 
 
 
Vuoi maggiori informazioni?
Vuoi conoscere meglio la nostra Associazione, saperne di più sul festival o approfondire i nostri progetti formativi